Comunicati stampa

LA NUOVA CASA DI MACNIL GRUPPO ZUCCHETTI NEL CUORE DELLA “MURGIA VALLEY” SARA’ UN “VIVAIO DIGITALE” PER STARTUP, MICRO IMPRESE E PMI DEL TERRITORIO

20/02/2019

save-the-date_-email

Il nuovo quartier generale di MACNIL Gruppo Zucchetti sarà inaugurato il 15 marzo a Gravina in Puglia (BA), alla presenza di Istituzioni e rappresentanze del mondo dell’impresa, della ricerca universitaria e dell’innovazione. Una sede moderna e super tecnologica di oltre 4.500 mq che ospiterà il “Viviaio Digitale”, un  Innovation Lab per Startup, Micro Imprese e PMI, con la missione di aiutarle a crescere, facendo rete con altre aziende locali, e ridare slancio allo sviluppo economico e culturale del territorio murgiano.

 

Si ispira ai quartier generali dei giganti dell’hi-tech della Silicon Valley, sorti in questi anni sullo stesso 41° parallelo, ma preserva il suo carattere originario: è orgogliosa delle sue radici ed aperta al territorio dove opera da quasi 20 anni, coltivando un rapporto speciale con esso, quasi osmotico, per far crescere giovani talenti e sviluppare l’economia digitale e la cultura d’impresa di quest’area tradizionalmente agricola del Mezzogiorno, dove una volta sorgeva il famoso distretto del mobile imbottito, oggi conosciuta anche come “Murgia Valley”.

 

Con queste caratteristiche si presenta la nuova sede di Macnil, azienda informatica del Gruppo Zucchetti e leader nel mercato automotive col brand GT Alarm, che sorge nella Zona Pip di Gravina in Puglia, su una struttura di 4.500 mq super moderna e attrezzata di ogni comfort: dall’asilo alla mensa aziendale, dalla zona relax con palestra all’orto botanico, un ampio auditorium per meeting e congressi, ma soprattutto l’area denominata “Vivaio Digitale”, un Innovation Lab nato per ospitare StartUp, Micro Imprese e PMI che potranno crescere e trasformarsi in aziende mature attraverso il know-how tecnologico e digitale, l’esperienza di mercato e il networking di Macnil.

 

La nuova sede è stata realizzata grazie all’ammissione di Macnil al Contratto di Programma di 6,5 milioni di euro cofinanziato da Fondi Europei attraverso la Regione Puglia e la sua Agenzia Puglia Sviluppo per un progetto di ricerca nell’Internet of Things, dove Macnil vanta una forte expertise nel campo Automotive, delle Smart City, dell’Health e della Mobilità Elettrica.

 

«Dopo questo lungo percorso di crescita con significativi obiettivi professionali ed economici raggiunti, come l’ingresso nel 2014 all’interno del primo gruppo informatico italiano,  il Gruppo Zucchetti, e successivamente l’acquisizione del marchio automotive GT Alarm, con una sede a Varese – spiegano Mariarita Costanza e Nicola Lavenuta, fondatori dell’azienda da cui prende il nome (Mac e Nil) – abbiamo sentito il dovere di contribuire allo sviluppo del territorio murgiano, investendo con un nostro Innovation Lab sulla crescita dei talenti e offrendo loro un’alternativa attrattiva per non emigrare al Nord o all’estero, dimostrando quindi a noi stessi e al nostro territorio che “nulla è impossibile”».

 

Nulla è impossibile!” è stato per quasi 20 anni il motto che ha accompagnato i due fondatori della Macnil, spingendoli a perseverare in questo obiettivo di restare al Sud e portare una piccola azienda informatica a scalare i vertici del mercato automotive e IoT, diventando partner tecnologico affidabile per operatori Telco come Telecom e Poste Mobile, e con l’acquisizione di GT Alarm con le principali Case Auto come Ford, Peugeot, Citroen, Renault Iberia, Mercedes, Audi, Volkswagen, Seat, Scoda e Compagnie Assicurative come il Gruppo Admiral con il marchio ConTe.it.

 

E poi l’attenzione al benessere dei collaboratori, una visione avanzata di welfare che trova oggi pochi esempi virtuosi nel Sud Italia, per agevolare i dipendenti nelle questioni domestiche e nella cura dei figli: negli ultimi 4 anni sono nati 11 bambini nella famiglia Macnil, per cui è stato necessario e importante per la serenità e il benessere degli ospiti della sede (quindi della produttività di tutti) allestire un asilo nido per i bimbi dei nostri collaboratori, pensare a uno spazio condiviso, denominato “pensatoio”, per la riflessione e il confronto, ingredienti necessari al processo di innovazione, costruire una sala convegni con le più avanzate tecnologie che consentano connessioni con il mondo (video e audio attraverso webinar e webex) o allestire una palestra per il tempo libero, infine un orto per coltivare le “verdure a metro zero”, quindi preparale e gustarle insieme nel ristorante aziendale.

«La “condivisione” è uno dei pilastri della nostra filosofia di impresa – spiega Mariarita Costanza, co-founder Macnil e riconosciuta come la donna più influente nel mondo dell’innovazione digitale in Italia (premio DigiWoman 2017) – e la cura delle relazioni e del benessere del nostro team, che si compone di circa 60 persone tra Gravina (BA) e Gavirate (VA) di cui il 40% donne e il 60% laureati, è uno dei segreti della nostra crescita e dell’affetto che non solo il territorio ci riserva».

Oggi Macnil ha un fatturato di circa 10 milioni, con 2 milioni di Ebitda, e lavora in Italia e all’Estero, gestendo 50.000 clienti privati e 5.000 aziende, con 15 distributori in tutta Europa.

Nel corso degli anni Macnil è diventato un modello, una storia di successo industriale a cui si sono ispirati anche i giornalisti Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo nel loro libro “Se muore il Sud” (Feltrinelli, 2013) e raccontata anche nel libro di Salvatore Rossi “Che cosa sa fare l’Italia” (Laterza, 2017).  Infine nel libro “Murgia Valley. L’evoluzione della specie”(Les Flaneurs Edizioni, 2017).

E la sua cofondatrice, l’ingegner Mariarita Costanza, ha ricevuto in questi anni numerosi riconoscimenti per il suo impegno nell’innovazione tecnologica: dal Salone Internazionale dell’Imprenditoria Femminile al Premio Smart City di SMAU, da Ingenio al Femminile e il “DigiWoman 2017” della rivista Digitalic fino al Premio “Innovation Leader” di ANGI (Associazione Nazionale Giovani Innovatori). Mariarita Costanza è nota al grande pubblico per aver partecipato come investitrice al primo business format su Italia Uno “Shark Tank“, dedicato al mondo delle startup e dell’innovazione.

La nuova sede Macnil permetterà al Progetto Murgia Valley di crescere ed espandersi, lavorando in rete con altri imprenditori del territorio, aiutando i giovani talenti del territorio ad emergere, recependo e potenziando tutta quella energia positiva che arriva dal territorio murgiano, che include anche Matera (a 15 km da Gravina), Capitale Europea della Cultura 2019, città di grande attrazione nazionale ed internazionale.

 

PRESS OFFICE

Fabio Dell’Olio

fabio.dellolio@gmail.com

+39 3278318829

www.macnil.itwww.gtalarm.it

 

Macnil è un’azienda del Gruppo Zucchetti, con sede a Gravina in Puglia (BA), leader nel mercato IoT (Internet of Things): Automotive, Smart City e Smart Home, oltre che nel mondo del Digital Marketing. Il core business dell’azienda è rappresentato da una vasta gamma di prodotti e servizi di localizzazione satellitare, dal controllo e gestione delle flotte aziendali alle “scatole nere” per il mercato assicurativo con il marchio GT ALARM, acquisito nel 2016 con la fusione dell’azienda Getronic con sede a Varese. Con 50.000 clienti B2C/B2B e 25 anni di esperienza nella produzione di sistemi di protezione e sicurezza per autoveicoli, abitazioni e uffici, Macnil GTAlarm è partner delle più importanti case automobilistiche mondiali (Volkswagen, Mercedes –Benz, Smart, Audi, Citroën, Peugeot, Opel, Renault Iberia, Ford, Mustang, Seat, Chevrolet, Skoda, Volvo, DS Automobiles), oltre che delle principali Telco. I fondatori di Macnil sono i coniugi Mariarita Costanza (MAC) e Nicola Lavenuta (NIL), che hanno fondato nel 2000 la loro azienda informatica. Da una loro ispirazione nasce il progetto di costituire una network di aziende innovative del territorio e fondare la cosiddetta “Murgia Valley”. (Siti Web:  www.macnil.it  - www.gtalarm.it  )