News ed eventi

canaleenergia

INTERVISTA A MARIARITA COSTANZA: “InfoSmartCity: Una App per tanti servizi”

21/06/2016

Questo prototipo non è stato abbandonato in un cassetto degli uffici della pubblica amministrazione, ma è un bell’esempio di prodotto utile e commercializzato sul mercato”. A parlare è l’ingegnere Mariarita Costanza di Macnil Gruppo Zucchetti che ha contributo alla realizzazione dell’app InfoSmartCity, adottata inizialmente nel comune di Bari all’interno del progetto Living Lab SEMINA, e diffusa oggi in oltre 30 città italiane.

È un esempio di finanziamento pubblico alla ricerca che ha prodotto un servizio utile per i cittadini”, prosegue la Costanza.

L’applicazione è la tappa finale di un percorso di ricerca: il progetto parte con l’installazione di pannelli a messaggio variabile per offrire informazioni ai cittadini e arriva all’uso di strumenti di localizzazione satellitari installati sui mezzi pubblici del comune per dare all’utente informazioni in tempo reale sul traffico urbano. “Ancora oggi, sulle strade, ci sono 6 o 7 di questi pannelli liberamente consultabili”.

video murgia valley e infosmartcity

A questo punto non ci siamo fermati, ma ci è venuta un’altra idea: quando il cittadino ha bisogno delle informazioni sul traffico è perché è rimasto imbottigliato in qualche coda. Dunque, abbiamo voluto dargli la medesima informazione tramite app sul telefonino”, continua la Costanza. In questo modo, a seconda della destinazione, l’informazione satellitare consente di individuare la strada più veloce da fare e “condividendo le informazioni tra i pannelli a messaggi variabile e l’applicazione è nata InfoSmartCity”.

Ma quali altri servizi sono disponibili tramite l’app? “Al cittadino smart serve conoscere il tempo d’arrivo del bus, dunque gli forniamo informazioni sulla posizione esatta del mezzo pubblico. Inoltre, diamo dati utili sulla disponibilità dei parcheggi: la persona che arriva nella città di Bari può verificare lo stato reale del traffico e verificare quali aree di sosta sono libere”. Un servizio importante visto che nei maggiori centri urbani “il 30% del traffico cittadino è provocato dal girare a vuoto alla ricerca di parcheggio”.

E non solo: la PA può inviare al cittadino informazioni in tempo reale su erogazione di acqua e luce. E, in materia di turismo green, “abbiamo contribuito alla gestione degli eventi nella città lucana di Matera, capitale europea della cultura 2019, in occasione del Balloon festival, offrendo la posizione dei locali distribuiti al di fuori del capoluogo”. A Triggiano, comune pugliese di circa 27 mila abitanti, “si fa la raccolta dei rifiuti porta a porta: con InfoSmartCity facciamo conoscere al cittadino quale tipologia di rifiuto viene ritirato in un determinato giorno”.

L’obiettivo è quello di “dare al cittadino una sola app per tutte le città e tutti i servizi”. E non si parla solo di realtà nazionali: “Guardiamo alle realtà internazionali: oggi disponiamo di tecnologie globali che non ci richiedono un ulteriore supporto per andare all’estero. La cosa importante da fare è siglare gli accordi giusti per prelevare i dati dalla PA. L’Italia è un po’ indietro rispetto all’Europa: qui i comuni mettono a disposizione una notevole quantità di informazioni”.

È poi al vaglio “un accordo con un’azienda produttrice di colonnine di ricarica per veicoli elettrici in modo da fornire la localizzazione delle paline e la loro disponibilità. Un modo per eliminare una delle barriere alla diffusione dell’elettrico in Italia”.

Al momento, come detto, l’app è adoperata dagli enti pubblici per migliorare la comunicazione della PA verso il cittadino e offrire una varietà di servizi agli utenti con un’unica app. Ma si sta già pensando, come sottolinea la Costanza, a “proporre questa banca dati alle attività commerciali”. E ciò avverrà quando “avremo cablato, censito, un numero importante di città”.

fonte: canaleenergia.com